Acqua termale

L'acqua termale utilizzata presso Bibione Thermae sgorga a 52°C da una fonte situata nell'entroterra bibionese a oltre 500 metri di profondità. In base alla temperatura e al residuo fisso, tale acqua viene classificata come ipertermale, medio minerale, e in base al D.L.105 del 25.01.92 viene classificata come alcalina bicarbonato sodica fluorata. Grazie alle sue peculiarità, l’acqua termale di Bibione Thermae viene riconosciuta per le sue proprietà terapeutiche anche dal Ministero della Sanità (decreti n. 2918 e 2950 del 1996), pertanto alcuni cicli di cure effettuabili presso le Terme di Bibione sono convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

La scoperta e la potenzialità delle acque termali venete della bassa pianura padana si devono alle indagini geologiche avviate dall'AGIP tra il 1960 e il 1970 mirate alla ricerca di idrocarburi, proseguite da insigni studiosi del C.N.R. e di varie università italiane. Queste ricerche hanno portato alla scoperta dell'ultima grande risorsa idrica di Bibione: le acque ipertermali che scaturiscono dal basamento carbonatico mesozoico, il cui utilizzo ha permesso la realizzazione delle Terme ed impresso una svolta importante nell'immagine e nell'offerta dei servizi della stazione balneare di Bibione.
Le indagini geologiche hanno rilevato un'anomalia geotermica che ha il suo apice nella frazione di IV° Bacino del Comune di San Michele al Tagliamento (VE), 5 km a nord di Bibione, a una profondità di 500 m circa e ad una temperatura di 52°C. Le falde idriche sono alimentate normalmente da acque meteoriche d'infiltrazione, il cui bacino di ricarica investe l'ampio territorio a monte dell'areale in oggetto, fino ai rilievi alpini. Il deflusso idrico nel sottosuolo, con andamento Nord-Sud, determina, per la presenza di livelli argillosi, la pressurizzazione dell'acquifero che assume pertanto carattere artesiano con pressioni alla testa dei pozzi comprese tra 1 e 3 atmosfere.

Le Cure Termali

Consulta tutte le terapie termali di Bibione Thermae

scopri di più